setter monte catria
Home
BIOGRAFIA
GIOVANI
ADULTI
ALLEVAMENTO

A fronte di un'esperienza ormai quarantennale, nel suo genere forse unica in Italia, di Vera Caccia in Appennino a starne (quelle selvatiche ora pressoché scomparse), coturnici e beccacce, è sempre con rinnovato spirito e passione  che mi dedico costantemente
all'Addestramento dei Vostri cani,
per caccia e prove, appartenenti a tutte le

Razze da Ferma.

mob. +393397835133.
 

 

I Princìpi ed i Metodi di Addestramento devono convenientemente essere semplici ed efficacemente sperimentati, seppur sostenuti da tante letture cinegetiche che hanno segnato, da oltre un secolo, l'evoluzione delle varie scuole di addestramento. Quarant'anni di caccia vera, di allevamento e di addestramento, credo siano esperienze ben sufficienti per preparare e formare, in tempi ragionevoli, un cane da ferma. Ma alla base di tutto vi è una assoluta serietà ed onestà professionale, amore e comprensione per il cane, oltre a quella dote innata che alcuni sogliono chiamare carisma.

Propongo quindi un metodo ben collaudato, ma moderno al tempo stesso, articolato su cinque comandi dati con la voce ("chiamata", "no", "fermo", "porta", "via") che hanno, se desiderato dal proprietario, i corrispondenti suoni emessi con il fischietto sibilante, o trillato in caso di rimprovero. Con la maturità dell'allievo, dopo un congruo periodo di addestramento, i soli cenni di comando con la mano sintetizzeranno la proficua intesa nell'azione di caccia tra cacciatore e cane. Dei cinque comandi vorrei soffermarmi sul "NO", disapprovazione perentoria, autoritaria ed insindacabile di qualsiasi azione/attività compiuta dal soggetto in momenti di caccia, in canile, in compagnia ecc... E' molto utile per convivere ogni giorno, nelle più disparate situazioni, con un ausiliare corretto e disciplinato. Questo semplicissimo comando è altrettanto efficace del ben noto ed accademico "TERRA", ma molto più facile da insegnare per l'addestratore; inoltre viene recepito dal cane immediatamente poiché evita l'imposizione di posture particolari, forse troppo coercitive.

Altrettanto importante è vivere quotidianamente con l'allievo ogni fase della vita, oserei dire in simbiosi, sia in canile sia sui terreni di addestramento e caccia. L'educazione di base e la disciplina nascono anche in canile interagendo realmente con i cani durante la pulizia, le cure e la somministrazione del cibo; quest'ultima, ad esempio, deve essere eseguita con metodo ripetitivo, rigoroso ed ordinato, impedendo quindi all'educando anche il solo lambire la scodella del compagno di box, piena o vuota che sia. Ogni allievo, subito dopo il pasto, riceve carezze e viene chiamato contemporaneamente con il suo nome più volte e con tono rassicurante; questa particolare attenzione lega fortemente il soggetto all'istruttore.

Il restante lavoro verrà svolto sui
terreni e sulla selvaggina
autenticamente naturale, all'estero e in Italia, calibrando il dressage sul carattere e temperamento individuale, al fine di lasciare assolutamente intatte le doti naturali e stilistiche del soggetto in addestramento. Questi particolari accorgimenti sono maggiormente affinati nel caso in cui l'allievo sia destinato al magico mondo delle Prove di Lavoro, per il quale la formazione e preparazione richiedono una specificità davvero particolare.




 
Addestramento Autunno - Inverno 2016:
questo è un soggetto molto avido!
Nelle foto è ritratto Indio setter inglese maschio età 3 anni e 7 mesi
del sig. Bazzurri Fabio di Città di Castello (PG).









 
Addestramento Primavera - Estate 2016:
questa è una giovane validissima!
Nelle foto è ritratta Kyra setter inglese femmina età 10 mesi del dott. Gino Brischi di Gubbio (PG).














 
Con i setters Monte Catria sulle "maliarde" in risalita primaverile 2014.














 
 
 




 

Addestramento al "ripasso" primaverile anno 2014 con allievi di Amici.
Nelle foto è ritratto Aro setter inglese maschio età 3 anni e 6 mesi dell'amico Ercolani Marco di Palazzo del Pero - Arezzo -.

























 

Frammenti di dettami cinotecnici dell'ineguagliabile prof. Vincenzo Celano.
Nelle foto è ritratta Stella setter inglese femmina età 19 mesi dell'amico Giacomelli G. di Cartoceto (PU).












 
Un allievo della Primavera 2013.
Taquari (detto Bolt) pointer maschio età 16 mesi del giovane amico Caverni M. di Sassoferrato (AN). Genealogia paterna emergente "del Vento" e "della Noce".






















 
Foto di altri allievi.



























Peo - setter inglese m. di Beltrame L.                        Devil - setter inglese m. di Alegi A.















 
 
 
 
 
 
Diana - kurzhaar f. di Sordini A.                                Roger - setter ingl.  m. di Scalbi D.

 

 
Data e ora ultima modifica

 

Home
BIOGRAFIA
GIOVANI
ADULTI
ALLEVAMENTO
CONTATTI
ADDESTRAMENTO
IMMAGINI
PASSIONI
TACCUINO
 
 
ORGANIZZAZIONE VIAGGI DI CACCIA.
Se hai in mente di fare con noi un'esperienza di caccia irripetibile visita l'altro sito correlato :



Seguici anche su Facebook:
 
 
 
A beccacce il vero cacciatore cinofilo usa solo il campano, per rigorose questioni di stile e di sportività. Tuttavia saper "leggere" il suono del campano è arte per pochi eletti. L'utilizzo dell' "elettronica" è comprensibile solo per soggetti indomiti ma che risultano spesso, o quasi sempre, molto poco equilibrati.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Carrellata di altri allievi memorabili
 


 
 
 
 
 
Site Map